Il 2018 è ormai alle porte e con lui arrivano anche delle nuove opportunità per gli investimenti legati alla pubblicità.

La novità si chiama Bonus pubblicità 2018 e consiste nella nuova agevolazione fiscale introdotta dalla Manovra Correttiva, nello specifico dall’articolo 57-bis, decreto legge 50/2017, in ottemperanza agli obiettivi prefissati con la Legge Delega 198/2016 circa l’introduzione di nuovi benefici fiscali secondo i quali lavoratori autonomi, professionisti ed imprese potranno usufruire di un nuovo credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari. Sarà previsto infatti un bonus fiscale a corrispettivo di campagne pubblicitarie effettuate su tv, radio, giornali quotidiani e periodici, siti web, siti e-commerce, produzione di cataloghi, brochure, etichette, gestione social, produzioni video, a partire dal nuovo anno.

Come funzionerà il Bonus?
Il Bonus 2018 funzionerà sotto forma di credito d’imposta per una percentuale variabile dal 75% al 90% massimo, secondo la quale i lavoratori autonomi e le imprese di qualsiasi natura giuridica, potranno beneficiare qualora effettuino gli investimenti pubblicitari sopra citati.
Relativamente al calcolo del bonus, in entrambi i casi relativi alle percentuali, le aliquote si applicheranno al valore incrementale.

Quali sono i requisiti per poterne beneficiare?
Uno dei più importanti consiste nell’effettuare investimenti in campagne pubblicitarie in misura maggiore almeno all’1% rispetto al precedente anno, pertanto se nel 2017 l’investimento è stato pari a 10.000 euro, per beneficiare del bonus occorre che nel 2018 venga speso almeno l’1% in più rispetto alla cifra dell’anno prima.
La percentuale spettante alle micro, piccole e medie imprese è del 90% rispetto al 75% previsto per tutte le altre categorie.

A chi spetta?

Lavoratori autonomi, ivi compresi i professionisti;
Imprese: di qualsiasi natura giuridica.

Ornella Cataldo

Vuoi ulteriori informazioni su come richiederlo?

Chiedici una consulenza